A caccia del Ponte di Annibale

Ponte di Annibale-4

Ho sempre avvertito un interesse per i ponti. Quelli improbabili, meglio se antichi, le cui pietre hanno sfidato la storia e il tempo che passa. Mi piace il fatto che spesso dove c’è un ponte c’è dell’acqua da domare e vincere. E adoro i riflessi che la struttura disegna sull’acqua, enfatizzando geometrie armoniose che rappresentano un richiamo irresistibile per il fotografo a caccia di suggestioni semplici.

Sabato scorso, approfittando del fatto che mi trovavo nelle vicinanze del Sannio e di una giornata soleggiata che di fatto preannunciava l’estate, sono andato alla scoperta del Ponte di Annibale, un ponte in pietra dal profilo e storia molto interessanti. Ovviamente il passaggio dello stesso Annibale e dei suoi elefanti è alquanto ammantato da leggenda nonostante ne parli anche Polibio. Secondo Tito Livio, invece, sarebbe stato Annone, generale al servizio di Annibale, a passare per il Sannio. Ma tant’è.

I have always been interested in bridges. Even better if they are ancient, whose stones have challenged history and the time going by. I like that, where there is a bridge, probably there is water to master and win. And I love reflections that the structure draws on the water, giving emphasis to harmonious geometries that are an irresistible recall for the photographer hunting for simple suggestions.  

So, on last saturday, taking advantage of being in Sannio (one of the south Italy areas in the Campania region) and of a lovely sunny day that had the flavor of approaching summer, I went to discover the Hannibal’s bridge, a stone bridge very interesting for its shape and history.  Of course, that the historical Carthaginian warrior was really gone across that bridge with his huge elephants is more legend than history. According to the latin historian Tito Livio, Annone, general in service with Hannibal, got across this bridge.  

Ponte di Annibale-2

Come spesso succede, non ho esattamente trovato un fiorire di indicazioni ma alla fine l’ho scovato comunque. Alla fine di un semplice pendio, in un tripudio di colori, è sbucato il ponte, restaurato da poco e dotato di una ringhiera, forse necessaria per ragioni di sicurezza, eppure molesta come una piccola nota stonata sulla sua “gobba” armoniosa.

As it often happens, I haven’t found a lot of indications for reaching the monument but eventually I’ve discovered it anyway. At the end of a hill, in a symphony of colors, the bridge jumped out, recently restored and equipped with a balustrade, maybe necessary for safety reasons but not so nice for the visitor’s eyes.

Ponte di Annibale-8

Sono sceso lungo i lati del fiume Titerno, che vi scorre sotto. Era il riflesso del ponte che volevo e pur vacillando sopra rocce già in acqua, ho fatto diversi scatti. Ecco quindi la mia piccola gallery, poche immagini per raccontare questa discesa tra fiori e colori per arrivare a toccare l’acqua e l’immagine imperiosa che vi si sdraiava sopra. Spero vi piacciano ma grazie comune del vostro passaggio!

I went down along the sides of the Titerno river, flowing under this bridge. I wanted so much the reflection of the bridge and, trembling on the rocks almost in the middle of the river, I could make some shots. Here is my little gallery, including a few pictures to tell this adventure among colors and flowers. My goal was to touch the water and watch the great image looking like an arch lying on the river surface. I hope you like my shots but thanks anyway for your visit!

Advertisements

3 Comments

Add yours →

  1. simona sacri 11/06/2014 — 23:00

    Senza parole… un altro piccolo gioiello italiano, poco noto al grande pubblico, svelatoci da te!!

    • Sai, Simona, sto capendo sempre di più una cosa. Viaggiare lontano è bello e importante e chi può, deve farlo. Ma se non si può, abbiamo l’incredibile fortuna, qui in italia, di disporre di tante piccole perle che consentono dei “piccoli viaggi” e delle emozioni non da poco. Questo sabato mattina sono stato davvero felice.

      • simona sacri 11/06/2014 — 23:44

        La tua felicita’ ha contagiato il tuo post… che e’ davvero bellissimo!!
        Concordo con le tue riflessioni sul viaggiare…

Please, feel free to leave a comment if you liked my photos! But anyway, thank you for your visit!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: